Le qualità della cucina in parallelo

Una delle caratteristiche peculiari della cucina è la sua varietà di forme e dimensioni, ognuna in grado di adattarsi all’ambiente e alla grandezza della stanza; una cucina lineare è adatta per spazi ristretti, mentre una angolare per stanze di media grandezza, una con isola invece è perfetta per un open space connesso con un soggiorno.

Esiste però un modello di cucina in grado di combinare sapientemente le dimensioni ridotte e adattabili a spazi stretti delle cucine lineari e la componibilità degli elementi tipica delle cucine angolari e con isola: stiamo parlando della cucina in parallelo.

dettaglio-cucina-in-paralleloLa cucina in parallelo, o detta anche su lati opposti, è caratterizzata dalla presenza di due aree dove sono collocati le varie parti della cucina, e di uno spazio centrale che permette di spostarsi da una zona all’altra in tutta semplicità.

La componibilità di questo modello è molto ampia, ad un livello superiore rispetto al modello angolare con penisola: infatti le due zone hanno la stessa lunghezza, permettendo così uno spazio maggiore dove collocare sia i mobili che le parti standard, come il lavello, il piano cottura e il forno.

C.A.D. Riva, leader nella provincia di Lecco nella creazione delle cucine, realizza per tutti i suoi clienti cucine in parallelo su misura, adatte sia a spazi ristretti e chiusi, sia a stanze più ampie.

Cucina in parallelo a isola

Si potrebbe pensare che la cucina in parallelo sia specifica per stanze piccole, in comunicazione con il resto della casa solo tramite la porta, con le due zone collocabili contro le pareti e i rispettivi ripiani utilizzati solo come zona lavoro e per collocare lavello e piano cottura.

In realtà, la cucina in parallelo può essere collocata anche in una stanza aperta, tipica per esempio di un loft o di una villa, dove una zona è collocata sul muro, mentre l’altra funge da isola centrale ampia e dotata di molti elementi.

A differenza di una semplice isola, infatti, questa avrà una forma più rettangolare e sarà adibita ad uno specifico utilizzo: può essere munita di un lavello e lavastoviglie per formare un’area per lavare cibi e stoviglie, oppure di un piano cottura e di un forno per cucinare e scaldare il cibo.

Ma la cucina in parallelo con isola può avere più funzioni: se il lato affacciato sulla zona a muro può avere il lavello o il piano cottura, il lato opposto può fare da tavolo con tanto di sgabelli, unendo la funzione di preparazione dei pasti con quella del loro consumo.

La cucina in parallelo a parete

Abbiamo visto come la cucina in parallelo a isola è una sorta di cucina con isola centrale più ampia e dotata di molte funzioni ed elementi, dettaglio-cucina-a-paretecome un tavolo integrato e la possibilità di dividere la zona cottura da quella del lavaggio delle stoviglie.

Ma esiste la possibilità di avere un modello con un’isola centrale che può fungere da muro opzionale e dividere il soggiorno dall’area della cucina: si parla in questo caso della cucina in parallelo a parete.

La cucina parallela a parete possiede una zona esterna sviluppata sia in lunghezza che in altezza, che può essere composta da una serie di mobiletti che creano una parete intera che chiude la vista dell’interno della cucina dal soggiorno.

La zona esterna non è composta solo da mobiletti: può contenere una serie di elettrodomestici, come un frigorifero e un forno collocati nella struttura, mentre il lavello e il piano cottura sono inseriti nella zona interna appoggiata al muro della stanza.

Ma la parete non deve essere totalmente intera: si può optare per la creazione di una finestra che dà verso il resto della casa, e che funge da piano lavoro o da piccolo tavolino, donando un tocco estetico unico alla stanza.